Sicurezza antincendio in azienda: gli obblighi del lavoratore

L’utilizzo congiunto di sistemi di sicurezza per la protezione al fuoco, come le serrande tagliafuoco, le tende tagliafuoco e le tende tagliafumo Blackfire, permette di proteggere persone e cose dalla propagazione del fuoco in caso d’incendio. Per questo motivo il loro utilizzo è consigliato in luoghi pubblici e privati e ambienti di lavoro. Le tende tagliafuoco e tagliafumo Blackfire bloccano il divampare dell’incendio e liberano le vie di esodo dai gas dannosi prodotti dalla combustione.

I sistemi di sicurezza e di protezione antincendio sono dispositivi di sicurezza resi attivi dallo stato di pericolo. Il pericolo è legato all’entità del rischio, ovvero alla probabilità che un determinato pericolo possa insorgere. Per diminuire il rischio, come accade nei luoghi di lavoro, è richiesta l’osservanza di determinate regole, atte a contenere i rischi se non a renderli nulli.

Secondo il D.Lgs. 81/2008  il lavoratore è il primo a dover garantire uno stato di sicurezza in azienda, assumendo un ruolo attivo nella tutela della salute e della sicurezza di tutti i lavoratori in essa presenti. Secondo il decreto legislativo, la tutela della salute e della sicurezza di tutti i dipendenti è assoggettata al dovere del singolo lavoratore, poiché ad esso spetta l’onere di occuparsi della propria salute e sicurezza nonché di quella degli altri che si trovano all’interno del luogo di lavoro.

Di contro, la responsabilità di azioni e omissioni ricade sempre sul lavoratore, il quale deve assicurarsi che i sistemi di sicurezza siano funzionanti, messi al riparo da eventuali rischi di danneggiamento o malfunzionamento. Di seguito una breve lista di quelli che sono gli obblighi del lavoratore per garantire la sicurezza di tutti i presenti:

  • collaborare con il datore di lavoro, all’osservanza degli obblighi posti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • rispettare le norme e le istruzioni che provengono dal datore di lavoro in materia di protezione;
  • utilizzare le attrezzature e i macchinari da lavoro come indicato, le sostanze tossiche, i trasporti e i dispositivi di sicurezza;
  • adoperare correttamente i dispositivi di protezione ;
  • segnalare immediatamente al datore di lavoro qualsiasi condizione di pericolo,
  • adoperandosi per eliminare o ridurre le situazioni più gravi e incombenti;
    non rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza;
  • non agire autonomamente in operazioni o manovre che possono comportare dei rischi per gli altri lavoratori;
  • prendere parte ai programmi formativi e di addestramento predisposti dal datore di lavoro;
  • sottoporsi periodicamente ai controlli sanitari presso il medico competente.

 

Con la legge 626/1994 il dipendente assume un ruolo sempre più attivo, in quanto chiamato ad assicurare il massimo livello di sicurezza nell’azienda in cui lavora, al fine di eliminare o ridurre tutte le emergenze o i pericoli che si realizzano e ridurre il rischio che essi accadano, assicurando la massima protezione a tutti i dipendenti e le persone presenti.